Pieghe e Diritti

DISPOSITIVI BLOCCA-MOTORE CONTRO LA GUIDA IN STATO DI EBBREZZA
03/2018
CAMPAGNA ELETTORALE: SICUREZZA STRADALE, QUESTA SCONOSCIUTA
02/2018
MANUTENTORI DELLE STRADE: CATEGORIA LEGGENDARIA
BL 01 2017
MA I COMUNI RISPETTANO IL CODICE DELLA STRADA?
BL 12/2017
INCIDENTI 2016 E INFRASTRUTTURE STRADALI
11/2017
CONTACHILOMETRI AZZERATO, SICUREZZA A RISCHIO
10/2017
DIMINUISCE IL PEDAGGIO AUTOSTRADALE, AUMENTA LA SICUREZZA
9 2017
EUROPA 2016: PIÙ DI 10MILA VITTIME DELLA STRADA COLLEGATE ALLA MOBILITÀ PER LAVORO
08/2017
PAURA DEL BUIO?
07 / 2017
NASCE “IN MOTO CON ANAS” LA WEB APP PER SEGNALARE LE STRADE PIÙ CRITICHE
06/2017
pagine:
1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7

8 - 9 - 10 - 11

MANUTENZIONE STRADALE SEMPRE TROPPO SCARSA - 05 2017

40 miliardi di euro. È la cifra che occorre per riportare in sicurezza il patrimonio stradale italiano, una rete lunga quasi 500.000 chilometri (circa 7.000 di autostrade e 25.000 gestiti direttamente dall’ANAS), il cui valore complessivo (con gallerie, ponti e viadotti) è di 5.000 miliardi di euro.

Per tenere in salute le nostre strade nel 2016 sono stati impiegati solo poco più di 22 milioni di tonnellate di asfalto (conglomerato bituminoso) pari a circa la metà della quantità che servirebbe per le necessarie attività di manutenzione, e metà della quantità utilizzata nel 2006, con la differenza che oggi la rete stradale è molto più estesa, trafficata e in condizioni critiche, e sono troppi i disagi per gli utenti della strada.
Eppure nel 2016 sussistevano diverse condizioni favorevoli per rimettere in sesto e in sicurezza la rete stradale: il sensibile calo del prezzo del petrolio sui mercati mondiali, l’allentamento del patto di stabilità per le Pubbliche Amministrazioni, l’immissione di denaro da parte della BCE e il rilancio degli investimenti in manutenzione da parte dell’ANAS.
Il mancato investimento in manutenzione stradale di 10 miliardi di euro negli ultimi 8 anni ha creato un tale danno che oggi, per riportare la rete viaria ai valori qualitativi standard del 2006, occorrerebbe una spesa almeno 4 volte superiore (stime eseguite da SITEB).
Il continuo rinvio dei lavori necessari e il mancato rifacimento periodico dei “tappetini d’usura” superficiali ha determinato in diverse parti del Paese spaccature e infiltrazioni d’acqua sulla superficie stradale, che hanno compromesso molte strade fin dalle fondamenta, rendendo necessari costosi lavori straordinari in profondità, non sostituibili da cosiddette “operazioni tappa buche”, destinate a durare solo poche ore.
Ricordiamo i tre gravissimi cedimenti stradali degli ultimi mesi: il viadotto della tangenziale di Fossano, in provincia di Cuneo (18 aprile 2017, nessuna vittima), il ponte lungo l’autostrada A14 Adriatica all’altezza del chilometro 235 tra Camerano e Ancona Sud (9 marzo 2017, 2 morti e 2 feriti), il cavalcavia sulla provinciale 49 Molteno-Oggiono, all’altezza del chilometro 41,9 della superstrada Milano-Lecco (28 ottobre 2016, 1 morto e 4 feriti). Quante vittime si dovranno ancora contare prima che la manutenzione delle strade diventi un impegno costante per le istituzioni?

Cruisin Life Biker Tourist
Dimensione Sicurezza in Moto www.dragsters.it
Biker Fest

Editrice Custom sas
tel +39 0432.948570
fax +39 0432.948606
P.IVA 01741200305
www.editricecustom.it
info@bikerslife.com