Pieghe e Diritti

MANUTENTORI DELLE STRADE: CATEGORIA LEGGENDARIA
BL 01 2017
MA I COMUNI RISPETTANO IL CODICE DELLA STRADA?
BL 12/2017
INCIDENTI 2016 E INFRASTRUTTURE STRADALI
11/2017
CONTACHILOMETRI AZZERATO, SICUREZZA A RISCHIO
10/2017
DIMINUISCE IL PEDAGGIO AUTOSTRADALE, AUMENTA LA SICUREZZA
9 2017
EUROPA 2016: PIÙ DI 10MILA VITTIME DELLA STRADA COLLEGATE ALLA MOBILITÀ PER LAVORO
08/2017
PAURA DEL BUIO?
07 / 2017
NASCE “IN MOTO CON ANAS” LA WEB APP PER SEGNALARE LE STRADE PIÙ CRITICHE
06/2017
MANUTENZIONE STRADALE SEMPRE TROPPO SCARSA
05 2017
MANUTENZIONE STRADALE SEMPRE TROPPO SCARSA
04 - 2017
pagine:
1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7

8 - 9 - 10 - 11

MANUTENTORI DELLE STRADE: CATEGORIA LEGGENDARIA - BL 01 2017

Dove sono finiti i manutentori di strade? Sono forse diventati una specie in via di estinzione e non ce ne siamo accorti? Se è così, per favore ditecelo!

Sì, gradiremmo saperlo, tanto per regolarci, per rassegnarci al fatto che non ci sarà più nessuno a mettere in sicurezza quei tratti stradali che provocano morti e feriti a causa dell’incuria e della sporcizia. Perché, se è vero che i manutentori stanno sparendo dalla faccia della terra (italiana), se mai ci capiterà di perdere la salute o la vita (gli scongiuri sono d’obbligo) a causa di buche e crepe varie, o di guard rail arrugginiti e divelti, o di macchie di gasolio dimenticate sull’asfalto o segnaletiche orizzontali scivolose, beh, allora… non sarà certo sui manutentori che dovrà ricadere la responsabilità penale di aver contribuito a rendere più gravi gli incidenti stradali, o l’onere dell’intervento risanatore. D’altra parte se i manutentori si stanno estinguendo, non è certo colpa loro. Oppure si?
Che tristezza! E pensare che il diritto di viaggiare su strade lisce come un biliardo lo acquisiamo nel momento stesso in cui versiamo all’erario le tasse dovute quindi, se lo Stato pretende i versamenti puntuali delle tasse, perché i cittadini non possono pretendere la stessa puntualità nella cura e manutenzione delle strade?
Se l’Italia fosse un Paese civile, quando un cittadino qualsiasi segnala a un pubblico ufficiale un pericolo latente, il pubblico ufficiale fa un sopralluogo per verificare l’attendibilità della segnalazione e poi si occupa fino in fondo di eliminare il pericolo.
In Italia no, non si fa così. In questo Paese nessuno ritiene che si debba provvedere con urgenza, e in maniera semplice e diretta alla rimozione del pericolo. Provate a segnalare un tratto stradale pericoloso: tra esposti e denunce l’iter è lunghissimo e complicato, e se anche la segnalazione viene annotata, nell’attesa che l’ente competente agisca… ne succedono di incidenti!
Verrebbe da dire: meno male che ci sono le associazioni di utenti della strada a inoltrare queste segnalazioni agli enti competenti. Eppure la voce delle associazioni è spesso una voce nel deserto, incapace di smuovere le acque stagnanti in cui navigano gli enti gestori delle strade perché sembra che nel vocabolario di questi enti le parole “intervenire” e “urgenza” non esistano proprio. E nei rari casi in cui gli enti intervengono, sempre e solo dopo altri incidenti (dimostrazione che nel loro vocabolario manca anche la parola “prevenzione”), è tutto un diramare di comunicati stampa per informare i cittadini su quanto si sono prodigati a favore della sicurezza di tutti (!). Una vera e propria presa in giro, persino offensiva se consideriamo che… “qui nessuno è fesso”.

Cruisin Life Biker Tourist
Dimensione Sicurezza in Moto www.dragsters.it
Biker Fest

Editrice Custom sas
tel +39 0432.948570
fax +39 0432.948606
P.IVA 01741200305
www.editricecustom.it
info@bikerslife.com