Pieghe e Diritti

MANUTENTORI DELLE STRADE: CATEGORIA LEGGENDARIA
BL 01 2017
MA I COMUNI RISPETTANO IL CODICE DELLA STRADA?
BL 12/2017
INCIDENTI 2016 E INFRASTRUTTURE STRADALI
11/2017
CONTACHILOMETRI AZZERATO, SICUREZZA A RISCHIO
10/2017
DIMINUISCE IL PEDAGGIO AUTOSTRADALE, AUMENTA LA SICUREZZA
9 2017
EUROPA 2016: PIÙ DI 10MILA VITTIME DELLA STRADA COLLEGATE ALLA MOBILITÀ PER LAVORO
08/2017
PAURA DEL BUIO?
07 / 2017
NASCE “IN MOTO CON ANAS” LA WEB APP PER SEGNALARE LE STRADE PIÙ CRITICHE
06/2017
MANUTENZIONE STRADALE SEMPRE TROPPO SCARSA
05 2017
MANUTENZIONE STRADALE SEMPRE TROPPO SCARSA
04 - 2017
pagine:
1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7

8 - 9 - 10 - 11

INCIDENTI 2016 E INFRASTRUTTURE STRADALI - 11/2017

I dati ACI-Istat 2016 rivelano che per la prima volta dopo due anni il numero complessivo di vittime a causa di incidenti stradali si è ridotto significativamente. Resta però il fatto che gli utenti vulnerabili (pedoni e due ruote) rappresentano quasi il 50% dei decessi con un aumento del numero di vittime tra i ciclomotoristi (10,5%) e i ciclisti (9,6%). L’indagine rivela che le prime tre cause di incidente (41,5%) sono state la distrazione, la mancata precedenza e la velocità troppo elevata mentre le principali violazioni al Codice della Strada sono state l’elevata velocità, il mancato uso delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta dei bambini, l’assenza di assicurazione e l’uso del telefono alla guida.
Non rivela il numero di feriti e morti dovuti alla scarsa manutenzione e a infrastrutture obsolete e inadeguate. Non rivela quante persone ci sono dietro ogni persona rimasta vittima o coinvolta gravemente in un incidente stradale, persone la cui qualità della vita peggiora improvvisamente.
L’Istat ha stimato i costi sociali dell’incidentalità stradale in 17 miliardi di euro nel 2016. Non rivela tuttavia quanto sono costati alla società gli errori progettuali e costruttivi e la mancata manutenzione delle strade, e quanto si sarebbe potuto risparmiare sui costi sociali e sul numero di vittime e feriti se le infrastrutture stradali fossero sicure per tutti gli utenti.
Forse perché l’Istat riassume le cause di incidente basandosi sulle informazioni sulle violazioni al Codice della Strada contestate da Polizia e Carabinieri, in occasione di controlli o di incidenti stradali, ma non conduce rilevazioni specifiche sulle condizioni della rete viaria nazionale e delle infrastrutture poiché quest’ultimo è compito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.
Resta il fatto che quando si afferma che la causa principale degli incidenti stradali è dovuta ai comportamenti sbagliati si deve inserire nella voce “comportamenti sbagliati” anche quello di chi, pur avendone la responsabilità, si disinteressa alla sicurezza delle strade per interessarsi soltanto alle autostrade e… al progetto del ponte sullo Stretto di Messina!
Le strade già esistenti possono essere modificate. Le strade nuove possono essere realizzate in base alle tecnologie disponibili sul mercato, sperimentate sulle piste e rese poi disponibili per la strada, dai guard rail ai marciapiedi, alla segnaletica orizzontale e verticale, compresi i dissuasori di sosta e velocità.

Cruisin Life Biker Tourist
Dimensione Sicurezza in Moto www.dragsters.it
Biker Fest

Editrice Custom sas
tel +39 0432.948570
fax +39 0432.948606
P.IVA 01741200305
www.editricecustom.it
info@bikerslife.com