Pieghe e Diritti

NON SI FINISCE MAI DI IMPARARE
BL 11/2018
VIAGGIARE IN MOTO IN SALUTE
10/2018
API SENTINELLE CONTRO L'INQUINAMENTO
07-2018
VALTELLINA: PRIMA IN ITALIA PER ABUSO DI ALCOLICI
06/2018
ETICHETTATURA DEI CARBURANTI LIQUIDI E GASSOSI
05/2018
IL PERICOLO VIENE ANCHE DA CHI APRE LA MANOPOLA DEL GAS SENZA USARE LA TESTA
BL 04 2018
DISPOSITIVI BLOCCA-MOTORE CONTRO LA GUIDA IN STATO DI EBBREZZA
03/2018
CAMPAGNA ELETTORALE: SICUREZZA STRADALE, QUESTA SCONOSCIUTA
02/2018
MANUTENTORI DELLE STRADE: CATEGORIA LEGGENDARIA
BL 01 2017
MA I COMUNI RISPETTANO IL CODICE DELLA STRADA?
BL 12/2017
pagine:
1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7

8 - 9 - 10 - 11 - 12

CONTACHILOMETRI AZZERATO, SICUREZZA A RISCHIO - 10/2017

I dati ACI-Istat 2016 rivelano che per la prima volta dopo due anni il numero complessivo di vittime a causa di incidenti stradali si è ridotto significativamente. Resta però il fatto che gli utenti vulnerabili (pedoni e due ruote) rappresentano quasi il 50% dei decessi con un aumento del numero di vittime tra i ciclomotoristi (10,5%) e i ciclisti (9,6%). La circolare protocollo n. 29832 del 2 aprile 2010 “Nuovo sistema revisioni”, completata dalla nuova circolare n° 10160 del 2015 "Testo Unico MCTC Net 2", rende obbligatorio che il numero di chilometri percorsi dal veicolo sia riportato nell’esito della revisione, eccezione fatta per i motoveicoli non dotati di contachilometri (ad esempio quelli d’epoca) per i quali il valore da riportare è "0".
Ciononostante alcuni Centri di revisione non rispettano le circolari ministeriali e inseriscono “0” nel campo “Km” del sistema informatico truffando il potenziale acquirente del veicolo e mettendone a rischio la sicurezza perché il nuovo proprietario farà eseguire i controlli e le eventuali sostituzioni in base ai chilometri riportati nel certificato di revisione, quindi non in base a quelli realmente percorsi dal veicolo, con il rischio che si generino guasti e conseguenti incidenti nella circolazione stradale.
Per evitare questa truffa sarebbe sufficiente che la Motorizzazione civile modifichi in tempo reale il software in modo che non possa stampare l’esito ambiguo della revisione, attivi in tempo reale una procedura immediata per la verifica dei dati, preveda pesanti sanzioni per i Centri di revisioni che non rispettano la norma, e ed eventualmente la loro immediata chiusura. 
Invece il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti ha emanato un nuovo decreto n. 214/2017 del 19/05/2017 che recepisce la direttiva 2014/45/Ue del Parlamento europeo ma che entrerà in vigore solo nel maggio 2018, che richiederà ulteriori decreti attuativi e altre le leggi sulla carta, e che non fermerà chi è abituato a perpetrare questo tipo di frode.
Al proprietario del veicolo resta l’onere di verificare il numero di chilometri riportato nel certificato di revisione e, se è pari a “0”, il diritto di chiedere al centro che ha “sbagliato” di inserire il dato corretto (senza aggravi a proprio carico) e, in caso di rifiuto, segnalarlo mediante esposto alla Direzione generale della Motorizzazione civile – Div. 4 - Controlli periodici parco circolante - Via Giuseppe Caraci, 36 - 00157 Roma.

Cruisin Life Biker Tourist
Dimensione Sicurezza in Moto www.dragsters.it
Biker Fest

Editrice Custom sas
tel +39 0432.948570
fax +39 0432.948606
P.IVA 01741200305
www.editricecustom.it
info@bikerslife.com